UC Sampdoria

UC Sampdoria: la storia

La società calcistica UC Sampdoria (Unione Calcio Sampdoria) ha sede a Genova, ed è l’erede delle società Sampierdarenese (1891) e Andrea Doria (1895), dalla cui fusione nacque il 1º agosto 1946.

Il palmarès dell’UC Sampdoria

Il palmarès dell'UC Sampdoria

Il palmarès dell’UC Sampdoria

Nei suoi 63 anni di attività la squadra ha disputato 53 campionati di Serie A e 10 di Serie B, conquistando 1 scudetto (1990-91), 4 Coppe Italia, una Coppa delle Coppe e una Supercoppa italiana. Grandi sono state le vittorie e ugualmente importanti le occasioni mancate per un soffio: due finali di Coppa Italia, nel 1986 e nel 2009, una finale di Coppa dei Campioni nel 1991/92 e una finale di Coppa delle Coppe nel 1988/89, queste perse ambedue contro il Barcellona. Tre sono state le retrocessioni in Serie B della squadra.

L’inizio dell’era di Paolo Mantovani

Una di queste ha corrisposto al cambio di guida societaria: nel 1979, con la cessione da Glauco Lolli Ghetti a Paolo Mantovani. Mantovani, in 15 anni, riportò il club in Serie A, vinse lo scudetto 1990-1991 e portò l’UC Sampdoria alla finale di Coppa Campioni nel 1992. La presidenza Mantovani terminò nel 2002, quando gli eredi Enrico e Francesca cedettero la società a Riccardo Garrone.

Advertisements

Di nuovo in massima serie dalla stagione 2003-2004, ha mancato di poco la qualificazione alla Champions League nelle stagioni 2004-2005 e 2007-2008, riuscendo però a centrare l’ambito traguardo nella stagione 2009-2010.

Dopo un solo anno dall’amara retrocessione avvenuta nello stesso anno in cui aveva giocato i preliminari di Champions League, il 9 Giugno 2012 la Sampdoria riconquista la Serie A.

Dall’anno 2012-2013, la squadra milita nella massima categoria italiana. Durante la stagione 2012-13, muore il presidente Riccardo Garrone, gli succede il figlio Edoardo.

Alla fine della stagione 2013-14 avviene un cambio al vertice: la famiglia Garrone lascia la guida della Sampdoria dopo 12 anni di gestione, e al loro posto subentra l’imprenditore romano Massimo Ferrero.

Rispondi