Comunicati

Comunicato SAN FRUTTUOSO 1987

Dopo giorni di riflessione sul nostro futuro di sostenitori blucerchiati e tifosi organizzati, siamo giunti ad una conclusione: i San Fruttuoso 1987 NON richiederanno la tessera del tifoso e di conseguenza NON rinnoveranno l’abbonamento.

Ci abbiamo pensato, e riteniamo di non aver bisogno di essere fidelizzati. Anche fra noi c’è chi rinnova il proprio abbonamento da una vita; nessuno di noi sente alcun bisogno di manifestare la propria fedeltà ai colori in altro modo che non sia quello dimostrato con il sostegno garantito alla Sampdoria in Gradinata Sud e in giro per l’Italia.

Ci abbiamo pensato, e consideriamo la tessera del tifoso l’ultima di una lunga serie di misure atte a vietare, impedire e reprimere indiscriminatamente e arbitrariamente ogni forma di tifo organizzato in favore di una squadra di calcio.

Advertisements

Ci abbiamo pensato, e non intendiamo piegarci all’ennesima complicazione, all’ennesimo bastone fra le ruote, all’ennesima interposizione gratuita fra il tifoso e la sua squadra del cuore.

Chiediamo ai Sampdoriani che ci seguono di rispettare, comprendere e, se possibile, condividere la nostra decisione.

Chiediamo ai Sampdoriani di NON sottoscrivere la Sampcard.

Alla società Sampdoria chiediamo solo il rispetto che noi le riserviamo ed il sostegno che le garantiamo sempre e su tutti i fronti (a partire – è bene ricordarlo – dalla questione stadio).

Chiediamo solo di essere trattati un po’ meno da clienti e un po’ più da tifosi.

Chiediamo solo di essere trattati da membri di una famiglia, di quella grande famiglia blucerchiata di cui un signore garbato ed elegante – ancora vivo nei nostri cuori, splendido ottantenne da pochi giorni – ci aveva un tempo fatto credere di essere diventati parte importante.

San Fruttuoso 1987

Comments are closed.